efficienzaprestazioneproduttività

Ottenere 30 giorni in più all’anno? Si può!

performance, efficienza, prestazioni, miglioramento, Coaching, Team, Training, Learning, Business, Sport, Life, Linguistica, comunicazione, Marketing, Persuasione, PNL, Enrico, Carollo, Enrico Carollo, NLP, persuasion, sales, training, productivity, team, lego, serious, play, lego serious play, miglioramento, strategie, efficacia, tempo, produttività

Cosa puoi fare con 30 giorni in più all’anno? É un intero mese!

Se sei entrato per leggere questo articolo, credo che anche per te il tempo è importante, immagino che tu stia cercando un modo per ricavarne di più per le cose che ti piace fare, e stai cercando modi furbi ed efficaci da applicare per ricavarlo.

Io so bene cosa ci farei con 30 giorni in più all’anno, e credo sia un valore importante anche per te riuscire a ricavartelo, quindi: leggi l’articolo, sei nel posto giusto!

La prima regola

Come prima cosa quantifichiamo: 30 giorni in un anno sono 720h, che su 365 giorni vuol dire riuscire a costruire poco meno di 2h al giorno, ogni giorno. La prima regola è:

capisci bene dove utilizzi il tempo ogni giorno.

Certamente farai delle cose superflue, non organizzate, o in multitasking (i cui effetti ed inefficienze sono descritti in questo articolo). Identifica tutte le cose che ti serve fare, le cose superflue che puoi evitare, e le cose da fare ma che puoi delegare.

Lo sapevi che in Italia siamo 59M di persone, dei quali 39M usano Internet, dei quali 28M da smartphone (+44%) e tablet (+8%), e che più di un terzo degli utilizzatori lo fanno in media 45 minuti al giorno in orario lavorativo? Misurati, potresti scoprire dove stai sprecando il tuo tempo ed un motivo per cui poi ti senti quasi obbligato a fermarti più tempo in ufficio.

La seconda regola

Come vedi, è una regola semplicissima:

pianifica

“eh si Enrico, la fai facile ma se perdo tempo anche a pianificare, poi, come lo recupero?” Ecco, questa è una scusa ed una credenza limitante. Pianifica la tua giornata il giorno prima (ne parlo anche qui) e cerca di anticipare la sveglia di 20-30 minuti almeno. E anziché leggere il gossip sulle riviste di settore, quando fai la popò la mattina, ripensa a come organizzarti la giornata: è tutto tempo guadagnato per la tua produttività.

Poi, puoi fare una to-do list delle cose – nell’ordine – da fare, e tenere strettamente quell’ordine, oltre che evitare e guardarti bene dalle persone – che via email, telefono o di persona – ti fanno perdere tempo: insomma, impara a dire “no, grazie!”

Sarà tutto tempo guadagnato.

La terza regola

Come si mangia un elefante? Una fetta alla volta, un boccone alla volta.
Come ci si sfama di noccioline? Una manciata alla volta.

Quindi, la terza regola è:

quando i tuoi compiti sono grossi compiti, suddividili, delega quello che puoi delegare, e sbriga il resto a mini-compiti

in questo modo da rinforzare anche la tua gratificazione e motivazione nel vedere finiti certi compiti.

D’altra parte ci sono anche i compiti piccoli, quelli che comunque portano via tempo e il più di questo tempo – e.g. – è nello spostamento – come andare alle poste, o fare degli acquisti. Metti assieme questi micro-compiti e sbrigali assieme, costruisci il percorso più lungo ma più efficiente per tutte quelle piccolezze che non puoi delegare, e concentrale in un dato momento della giornata.

La quarta regola

Fichissima:

delega in modo efficiente: avrai il tempo di fare le cose che solo tu puoi fare.

A volte mettersi d’accordo con dei colleghi per scambiarsi compiti nei quali si risulta essere più efficienti e performanti aumenta notevolmente la produttività complessiva, e ti libera di un sacco di tempo (anche in questo caso, ne parlo qui).

Ah, e scegli quando delegare così da sapere quando puoi concentrarti sulle tue attività, quelle che solo tu puoi fare. Ognuno di noi ha dei bioritmi specifici, ognuno ha le sue ore-lavoro preferite, ognuno ha soglie di attenzione ad orari diversi. Delega conoscendo le caratteristiche dei tuoi collaboratori, in modo da assicurarti che il lavoro venga svolto per tempo, e che anche tu sia nella piena efficienza per svolgere i tuoi compiti, per tempo. A tal proposito, ti suggerisco questa interessante lettura: The Power of When – by dr. Michael Breus, PhD

La quinta regola

Ogni giornata ci insegna qualcosa, ci fa pensare a qualcosa, e ci dona qualcosa.

Alla fine di ogni giornata, o alla mattina secondo la seconda regola, pensa alla tua giornata appena passata, e scriviti le cose che hai imparato, le cose che puoi modificare, e le cose che ti hanno dato soddisfazione.

Solo così potrai migliorarti di quell’1% ogni giorno che porta grandi miglioramenti nell’anno (ne parlo qui).

Conclusioni

Se identifichi anche solo una o due cose da queste semplici regole, sarai stimolato ad ottenere di più in meno tempo e guadagnerai molta energia recuperando quel tempo in più ogni giorno o nella settimana, capace di regalarti 1 mese di libertà in più, ogni anno.

Alla tua produttività!

 

💎 Se vuoi saperne di più su come migliorare le prestazioni nella tua Azienda o organizzazione seguimi qui, su LinkedIn e su Facebook e scrivimi nei commenti la tua opinione: il confronto su questi temi è per me di enorme stimolo al miglioramento continuo.

👉 Ti è piaciuto l’articolo? Lasciami il tuo segno di apprezzamento! 👍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *