ComunicazioneleadershipLinguisticaneuroscienzePNL

Aumenta la tua fiducia smettendo di dire …

verbal, language, confidence, hacks, tricks, lie, lies, spot a lie, communication, written, meeting, fact, inefficiency, productivity, efficiency, beliefs, mentality, approach, performance, beliefs, performances, sabotaging, useful, effectiveness, efficiency, productivity, Coaching, Team, Training, Learning, Business, Sport, Life, Linguistica, comunicazione, Marketing, Persuasione, PNL, Enrico, carollo, Enrico Carollo, NLP, persuasion, sales, training, productivity, team, lego, serious, play, lego serious play, habits, behaviour, attitude, improvement, consciousness, awareness, time, management, productivity

Molte persone pensano che la confidenza sia qualcosa di innato nella tua persona da quando sei nato. Fortunatamente – o sfortunatamente per questi credenti – è qualcosa che si sviluppa lungo la tua crescita, anno dopo anno, giorno per giorno, secondo dopo secondo. Come mai, quindi, che una persona che vive quasi nello stesso ambiente di altre, ha più fiducia di queste?

La maggior parte dipende anche dalle parole che usi, ascolti, ti dici da solo o quando parli con gli altri.

Vuoi essere più sicuro? Quindi, smetti di usare queste parole:

PROVARE

Come solitamente viene detto quando le persone non si fidano di sé stesse

Possiamo provare a farlo, ma non possiamo garantire i risultati
Cercherò di fare del mio meglio
Ci proverò

la parola prova significa che farai qualcosa perché è richiesto e non sei affatto sicuro dei risultati; anche peggio, con una probabilità molto alta il risultato sarà deludente.

Se ti fidi di ciò che fai o di ciò che devi fare, allora puoi dire SI. Altrimenti, puoi dire NO – essere molto fiducioso sul tuo ragionamento per dire di no. Provare trasmetterà un’incertezza basata sulla speranza, su una possibilità, non su qualcosa che risuona in te. Fare o no, questo è il punto.

PUÒ ESSERE

Utile se stai spiegando ipotesi e pessimo in caso di risposta a una domanda tipo:

Ne ho bisogno entro venerdì, allora puoi consegnarmi questa attività?

Qui ci sono 2 casi e approcci diversi, ma semplicemente detto: se puoi, la risposta è SÌ. Se non ci riesci, la risposta è NO.

Se puoi dipendentemente da alcune priorità, la risposta è “Possiamo controllare insieme le priorità effettive, così possiamo decidere insieme cosa è meglio mandare avanti e cosa può essere posticipato al momento per soddisfare la tua richiesta” – sempre che tu non sia non autonomo nel prendere tale decisione.

NON POSSO

Strettamente connesso al FORSE, poter dire sì o no è un grande segno di fiducia; tuttavia, invece di dire NO o NON POSSO, sarebbe meglio dire:

Prenderemo alcuni rischi ma possiamo farcela. C’è tuttavia un potenziale svantaggio che può impedirci di raggiungere questo obiettivo, in tal caso ci copriremo reciprocamente le spalle.

In questo modo, c’è un accordo tra le persone per decidere di andare avanti o ripensare all’obiettivo.

SPERO CHE

Quasi lo stesso di FORSE, la speranza è una sfida sugli eventi, sull’allineamento dei pianeti. Ovviamente, nel caso in cui parli con un amico, dire “Spero che tutto stia andando bene” è segno di gentilezza e spesso apprezzato. Quando si parla di compiti da svolgere, sembra che potrebbe accadere, ma non è detto sia possibile e non sono in grado di decidere se funzionerà o meno.

Spero che il cliente apprezzi questa soluzione
Spero che questo possa aiutarti

Se vuoi raggiungere un risultato, sei responsabile di assicurarti che il Cliente apprezzerà l’attività o che il tuo collega trarrà beneficio da ciò che stai dicendo. Spero che tu sappia già che qualcosa non può essere completato o essere esaustivo, e mantengo un po’ di aleatorietà nell’aria. Invece, raccogli feedback dal tuo cliente, sii esaustivo con il tuo collega, fai domande come:

per favore dimmi se hai ulteriori domande o sai che potrebbero esserci ulteriori problemi derivanti da ciò, quindi posso aiutarti a coprire quegli argomenti.

UTILIZZANDO VOCALIZZAZIONI E RIPETIZIONI

Come ad esempio ehhhhh uuuhmmmmmm ooohhhh aahhhh o anche giusto vero? O anche

Ho detto questo, no? E me l’hai detto, no? E quando Mark ha detto X, hai risposto Y, no?

È una scorciatoia per tenersi al sicuro. Chiede e cerca una conferma, e anche peggio, in caso di no? stai instillando dubbi alla tua controparte, dicendo una cosa e il contrario sulla stessa: questo è il senso del no?

Tutte le altre vocalizzazioni sono solo un avviso per la parte rettile del suo cervello, che non sei sicuro di ciò che dici o non sei ben preparato in ciò di cui stai parlando.
Quindi, evita si / no / uh / ah / ehmm e tutto il resto, e parla per quello che dici e sai senza chiedere conferma alla tua controparte.

CONCLUSIONE

Quindi, vuoi essere più sicuro di quello che fai, avere una presentazione migliore con il tuo capo e i tuoi colleghi e cambiare la tua vita con un semplice trucco? Allora smetti di pronunciare queste 5 parole.

Hai opinioni da condividere, o desideri approfondire un tema? Scrivimi a: contactme [at] enricocarollo [dot] com oppure fammi avere le tue considerazioni utilizzando lo spazio che segue, a te dedicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *